Nel 1986 feci la mia ultima stagione estiva come cameriere. Guadagnavo duemilioniduecentomila lire, l’equivalente di 1100 euro di adesso, ma allora erano una bella cifra, che mi permetteva di passare l’inverno all’estero e arrivare tranquillamente al giugno seguente. Ora chi fa lo stesso lavoro prende dagli 800 ai 1200 euro, per 14 ore al giorno senza giorno di riposo, e il Sistema acconsente e silenziosamente gioisce. Mi viene da sorridere quando sento dire che gli extracomunitari e i rumeni hanno portato via il lavoro agli italiani. La verità è che tantissimi imprenditori hanno capito da subito che avrebbero potuto pagarli la metà, e che loro per miseria avrebbero accettato. Perché anche nel 2015 in Romania 800 euro valgono ben più che qua, non parliamo poi dei paesi africani.. Ecco perché io trent’anni fa guadagnavo il triplo di ciò che ora guadagna un cameriere.