E se invece di cercare l’altra metà cercassimo l’altra completezza? E se, ancora meglio, smettessimo di cercare?