L’amico del silenzio ama la contemplazione, del proprio respiro, delle nuvole in movimento, delle gocce di rugiada sull’erba, delle vette innevate e delle parole di un testo sapienziale. Rifugge le forme di fruizione passiva e invece di guardare in tv la vita degli altri, nella pura immobilità dell’essere immagina il suo meraviglioso divenire.