Le alte prospettive da cui osservare noi stessi e il nostro rapporto con l’universo sono salvifiche, ma non necessariamente consolatorie.. Quando una diversa interpretazione si offre al vaglio della nostra coscienza e ci mostra le nostre schiavitù, son dolori. Ma è semplicemente ombra che sta diventando luce.