Non ho certezze assolute. Si, conosco tante cose e alcune le incarno, ma più passa il tempo e più realizzo di non sapere. Mi inchino di fronte al mistero dell’esistenza e dell’universo, e provo un misto di pena e ammirazione per tutti gli operatori olistici e scrittori che parlano di questi argomenti come se la vita potesse essere spiegata da formule matematiche inviolabili. Li ammiro perché la loro ignoranza forse li fa vivere meglio di me