Tante persone che hanno seguito seminari e scuole di formazione per lo sviluppo del potenziale umano, nella realtà quotidiana non hanno la benché minima capacità di applicare il pensiero magico, cosa facilmente verificabile osservando il linguaggio che usano per comunicare, quasi identico a quello utilizzato dai cosiddetti materialisti, che però non hanno speso tempo denaro ed energia nella lettura di libri impegnativi e in workshop di crescita personale. Questi individui si credono mistici e visionari ma in realtà sono dei perfetti razionalisti, ancora impantanati nella prigione della logica. Non sono certo qui a negare l’importanza della razionalità, ci mancherebbe, ma essa va anche abbandonata se davvero ci si vuole aprire all’impossibile! Altrimenti perché leggere Deepak Chopra o Vadim Zeland, se poi ce ne restiamo abbarbicati alle modalità che imperano nel mondo odierno? Sappiamo bene dove ci ha condotti la nostra mente razionale, in un mondo super tecnologico dove non regna solo l’amore ma anche tanti orrori e sopraffazioni, nonché situazioni personali insoddisfacenti in cui ci sentiamo inutili, demotivati e con l’angosciosa sensazione di aver sprecato la vita. Quindi cosa ci sarebbe da perdere nel lasciarsi tentare dall’applicazione metodica di certe tecniche che sfidano la ragione? Al massimo rimarremo ciò che siamo! Tratto dal mio libro TUTTI I MIEI MONDI